Sicuro, naturale e dall'eccelse proprietà. L'olio di CBD viene utilizzato per la cura di diverse patologie. Scopriamo rapidamente cos'è, i benefici e come assumerlo correttamente. 

Olio CBD

Olio di CBD, cos'è?

L'olio di CBD si ottiene dall'estrazione del CBD, anche noto come cannabidiolo, e dei principali composti presenti nella pianta di cannabis, quali: terpeni, flavonoidi ed altri cannabinoidi. 

Da non confondere con l'olio di canapa, che si ottiene dalla spremitura dei semi di canapa, l'olio di CBD si ricava dai fiori delle piante di cannabis sativa. 

Ampiamente utilizzato per scopi terapeutici, quest'olio è privo di effetti psicoattivi. Il THC, inferiore ai limiti imposti dalle legge (0,2%), è praticamente assente.

I benefici dell'olio di CBD

In grado di donare sollievo a mente e corpo, il CBD si fa spazio tra le grandi novità scientifiche che hanno caratterizzato gli ultimi decenni. Numerosi studi ne apprezzano proprietà e benefici, consigliando il suo impiego per:

  • Ridurre la percezione del dolore. Il CBD, grazie alle sue proprietà analgesiche, è considerato un antidolorifico naturale 
  • La cura di alcuni disturbi mentali. Uno studio, condotto nel 2016, ha spiegato come il CBD, per il suo potenziale antipsicotico, sia efficace per il trattamento della schizofrenia 
  • Combattere ansia e stress. Uno studio, condotto nel 2015, ha confermato che il CBD è utile per un disturbo d'ansia generalizzato, di panico, d'ansia sociale, disturbo ossessivo-compulsivo e disturbo da stress post-traumatico 
  • Grazie alle sue proprietà neuroprotettive, il cannabidiolo si è dimostrato efficace per la riduzione dello stress ossidativo: diminuendo i livelli di mortalità delle cellule celebrali 
  • Per le sue proprietà antiemetiche e la facile digeribilità, l'olio di CBD viene utilizzato per ridurre i sintomi di nausea e rigetto 
  • Il CBD, grazie alle sue proprietà distensive e rilassanti, aiuta a dormire e contrasta l'insonnia e i risvegli notturni. Come? Diminuendo il tempo per addormentarsi e placando eventuali disturbi del sonno REM 
  • E' un ottimo integratore per chi pratica sport. Le sue proprietà analgesiche e antinfiammatorie favoriscono il recupero fisico dopo un duro allenamento o una gara sportiva. Inoltre, è utile per alleviare infiammazioni o lesioni causate da un trauma sportivo
  • Infine, come affermano alcuni studi recenti, l'olio di CBD è utile in campo veterinario, donando sollievo ai nostri amici animali. 

OlioCBD

Il miglior modo per assumerlo

Il modo più efficace di assumere l'olio di CBD è: applicare le gocce direttamente sotto la lingua

Così facendo, attraverso i capillari presenti nella bocca e sotto la lingua, il cannabidiolo entra direttamente nel circolo sanguigno e non si disperde nello stomaco, generando effetti quasi immediati. Ma vediamo alcuni accorgimenti: 

  • Posizionati davanti ad uno specchio così da assicurarti della giusta posizione e del numero di gocce
  • Inclina il capo leggermente all'indietro, apri la bocca e alza la lingua
  • Posiziona la pipetta contente l'olio sotto la lingua, verso la zona sublinguale
  • Premi delicatamente il tappo così da far scendere le gocce una alla volta
  • Non deglutire subito. Attendi qualche minuto così che le gocce vengano assimilate correttamente 
  • Ingoia così da ingerire il residuo d'olio non assorbito

Nota bene. Il cibo e il fumo interferiscono con l'azione del CBD. Meglio non mangiare né fumare nei 5 minuti precedenti e i 5 minuti successivi all'assunzione. 

Olio di CBD dosaggio: quante gocce devo prendere?

olioCBD di JustMary

 

Non esiste una verità assoluta. Il numero di gocce da assumere è molto soggettivo, varia da persona a persona e dipende dalle singole caratteristiche: età, altezza, peso, sintomi, concentrazione di CBD del prodotto. 

La prima cosa da fare, è valutare la concentrazione di CBD contenuta nell'olio. Ovvero calcolare quanti mg di CBD ci sono in ciascuna goccia. 

Il secondo fattore da tenere in considerazione è la risposta del nostro metabolismo. Ogni persona, infatti, reagisce in maniera diversa in base alla propria sensibilità e al proprio organismo. 

E' possibile che individui simili abbiano con dosaggi simili gli stessi effetti o al contrario, con dosi totalmente diverse tra loro. 

Il mio consiglio è ascoltarsi. Come suggerisce uno studio, pubblicato su Pubmed, è bene iniziare con un dosaggio modesto, poche gocce, e continuare così, lentamente, per un paio di settimane. Fino a trovare il quantitativo ottimale alle nostre esigenze.