USA | Legalizzazione della cannabis e Big Pharma in rosso

In Notizie su Cannabis Legale e CBD 0 commenti

Da un recente studio scientifico è emerso che, negli Stati Uniti, la legalizzazione della cannabis ad uso medico e ricreativo faccia crollare gli introiti di Big Pharma.

Cannabis medica

Lo studio, pubblicato sulla rivista Plos One e condotto dagli scienziati della California Polytechnic State University e The University of New Mexico, evidenza come con la legalizzazione della cannabis le entrate delle grandi aziende farmaceutiche cadono a picco.

Con la legalizzazione Big Pharma perde miliardi

 "La legalizzazione della cannabis da parte degli Stati Uniti sta aumentando l'uso della cannabis come alternativa ai farmaci convenzionali. Abbiamo esaminato come la legalizzazione della cannabis tra il 1996 e il 2019 abbia influenzato i rendimenti delle aziende farmaceutiche generiche e di marca quotate in borsa e abbiamo scoperto che erano più bassi dell'1,5-2% a 10 giorni dalla legalizzazione."

"Sia per i produttori di farmaci generici che di marca i profitti sono nettamente diminuiti. Per gli investitori un singolo evento di legalizzazione ridurrebbe le vendite annuali delle società farmaceutiche di circa 3 miliardi di dollari."

La cannabis compete con i farmaci convenzionali 

Capsule con THC e CBD

"Nonostante la cannabis fosse classificata come droga della Tabella I, priva di uso medico e ad alto rischio di abuso, nel 2020 33 Stati ne avevano legalizzato l'accesso medico per condizioni gravi e debilitanti."

Considerando che: "Vi è una crescente consapevolezza dei suoi potenziali benefici terapeutici per un'ampia gamma di condizioni. Ampliando l'accesso e, quindi, l'uso, la legalizzazione potrebbe permettere alla cannabis di competere con i farmaci convenzionali."

E ancora, "In gran parte non brevettabile, la cannabis potrebbe agire come un nuovo farmaco generico, portando alcuni individui a sostituire altri farmaci con la cannabis."

"Tuttavia, - continua lo studio - a differenza di un nuovo farmaco generico convenzionale, l'uso della cannabis non è limitato a una singola o limitata serie di condizioni. Ciò significa che la cannabis agisce simultaneamente come un nuovo concorrente in diversi settori farmaceutici."

"Inoltre, l'accesso alla cannabis ricreativa è simile ai farmaci convenzionali da banco, in quanto per il suo utilizzo non richiede più la supervisione di un operatore sanitario."

Conclusioni dello studio

"Gli investitori prevedono che l'accesso alla cannabis legale diminuirà significativamente le vendite di farmaci convenzionali e che potrà competere sia sui mercati dei farmaci generici che di marca. Inoltre la cannabis, a differenza di qualsiasi altro farmaco convenzionale, può essere acquistata senza prescrizione medica e coltivata in casa."

"Considerando le dimensioni dell'effetto da noi stimato, ci saranno importanti conseguenze per i portatori d'interesse, tra cui le case farmaceutiche, i pazienti e i loro fornitori, gli investitori, le autorità di regolamentazione e la comunità accademica, sia per gli eventi di legalizzazione passati che futuri. Di seguito analizziamo le ripercussioni per ognuno degli interessati"

Big Pharma, pazienti e investitori

"Per le case farmaceutiche private e pubbliche, ci aspettiamo che la risposta alla legalizzazione includa investimenti e marketing. Recentemente, Pfizer ha pagato 6,7 miliardi di dollari per acquisire un'azienda biotecnologica che si occupa di terapie a base di cannabinoidi."

"Per i pazienti, i nostri risultati suggeriscono che la cannabis è un'alternativa terapeutica, ma è probabile che ci siano dei limiti alla sostituzione. Le difficoltà di standardizzazione della cannabis, i limiti della brevettabilità e la mancanza di conoscenze sui meccanismi terapeutici, fanno sì che il potenziale della cannabis di competere con i farmaci approvati dalla FDA sia attualmente limitato per molti pazienti e per i loro fornitori, e per alcuni potrebbe non essere mai pienamente competitivo."

E ancora, "Per questo motivo, la cannabis potrebbe operare come farmaco al di fuori del mercato farmaceutico nel prossimo futuro. Tuttavia, nonostante il probabile aumento delle spese vive, il nostro lavoro e quello di altri suggerisce che molti pazienti stanno passando dai farmaci alla cannabis dopo la legalizzazione."

"Per gli investitori, l'impatto negativo della legalizzazione della cannabis sul prezzo di mercato indica l'adeguamento delle aspettative sui futuri flussi di cassa delle aziende farmaceutiche. L'entità dell'effetto implica che i partecipanti ai mercati dei capitali dovrebbero monitorare l'evoluzione del panorama della cannabis legale mentre diversificano i loro portafogli."

Scoprire il vero potenziale terapeutico della cannabis

Piante di cannabis

 

"Sebbene gli attuali pazienti di cannabis terapeutica e i loro fornitori non saranno sorpresi dalle conclusioni di questo articolo, i nostri risultati possono aiutare a informare le autorità di regolamentazione sul potenziale terapeutico della cannabis."

"I nostri risultati suggeriscono che i consumatori ricreativi potrebbero addirittura sperimentare benefici medici inaspettati. Le conseguenze per la salute della popolazione dipenderanno dal numero di persone che passeranno dai farmaci convenzionali alla cannabis e dai relativi benefici, rischi ed effetti collaterali dei due trattamenti, nonché dai costi e dai benefici dell'uso della cannabis per i nuovi consumatori di cannabis che in precedenza non consumavano farmaci convenzionali."

"Inoltre, il nostro studio suggerisce che la cannabis potrebbe essere uno strumento utile per aumentare la concorrenza nei mercati dei farmaci statunitensi. Prevediamo che se i restanti 16 Stati senza legalizzazione della cannabis medica dovessero legalizzare la cannabis, la spesa per i farmaci convenzionali diminuirebbe di quasi l'11%.

"Il riconoscimento da parte del mercato della cannabis come alternativa ai farmaci convenzionali, sottolinea la necessità di ulteriori ricerche sul potenziale medico della cannabis, comprese le sostanze fitochimiche oltre al tetraidrocannabinolo (THC) e al cannabidiolo (CBD)."

"L'entità della risposta che vediamo, suggerisce che gli investitori si aspettano un'ampia sostituzione dei farmaci convenzionali. Un ampio spostamento verso l'uso terapeutico della cannabis rende particolarmente urgente la necessità di ricerca sulla politica della cannabis. Le aree chiave includono le politiche che regolano il consumo di cannabis per massimizzare i benefici e minimizzare i costi."

Raffaele Migliucci
Raffaele Migliucci

Amante della pura vita. Giovanissimo si libera dalle catene di una vita ordinaria alla ricerca della felicità. Appassionato di spiritualità, viaggi e Natura, Raffaele legge studia e scrive per il web sull’argomento cannabis.

Articoli Correlati