Consociazione: l'arte vegetale del sapersi aiutare

In agricoltura, la consociazione è la coltivazione contemporanea di piante di specie diversa sullo stesso appezzamento di terreno. Generalmente le piante di cannabis sono coltivate come monocoltura, cioè una pianta che viene coltivata come unica pianta in una determinata area. Quando crescono in natura, si sviluppano meglio, circondate da altre specie vegetali con cui instaurare un rapporto di aiuto reciproco.

 

Queste aiutanti, note come piante consociative, svolgono una serie di ruoli cruciali nel giardino e nella camera di coltura, dal tenere alla larga i parassiti al convogliare nel terreno nutrienti vitali. Per essere consociate, le specie devono essere compatibili tra di loro sia dal punto di vista biologico che colturale.


La consociazione ha storia antica, molto presto i coltivatori del passato si accorsero che coltivando alcune specie in prossimità di altre potevano avere migliori raccolti, sotto il punto produttivo e qualitativo.


In America la tecnica agricola mista di colture complementari, detta delle "tre sorelle", rappresenta le tre principali colture praticate tradizionalmente da diverse etnie amerinde dell'America del Nord e di quella Centrale: la zucca, il mais ed il fagiolo. Le tre piante beneficiano l'una dell'altra. Il mais provvede una struttura su cui i fagioli possono arrampicarsi, eliminando la necessità di pali di sostegno. I fagioli creano i composti azotati per fertilizzare il suolo utilizzato dalle altre piante, e le zucche si estendono sul terreno, bloccando la luce solare, ed aiutando a prevenire la crescita di erbacce. Le foglie di zucca funzionano anche come un sistema "Pacciamatura vivente", creando un microclima che trattiene l'umidità nel suolo. Il processo per lo sviluppo di queste conoscenze agricole ha avuto luogo nel corso di 5000-6500 anni. Le zucche sono state coltivate per prime 8000-10000 anni fa, poi il mais ed infine i fagioli. riginatasi nella mesoamerica, la tecnica delle tre sorelle si diffuse progressivamente anche in nordamerica, tra quelle culture che praticavano l'agricoltura.


La consociazione permette i seguenti vantaggi: utilizzare più proficuamente la stessa superficie di terreno, ottenendo una maggiore produzione; ridurre il periodo improduttivo dell'appezzamento, ottenendo un primo prodotto mentre l'altra specie entra in produzione; impiegare una specie come sostegno per l'altra (ad es. l'avena per la veccia) o come protezione dall'insolazione eccessiva o dal vento. La consociazione presenta però alcuni svantaggi: è scarsamente compatibile con la meccanizzazione dei lavori agricoli, quindi può essere applicata a piccole porzioni di coltivazioni, come per esempio quelle ad uso familiare.


Ora che abbiamo chiarito cosa è la consociazione tra piante possiamo andare a vedere quali piante possono beneficiare alla pianta di Cannabis, instaurando un rapporto di reciproco scambio di nutrienti e sostengno contro alcuni parassiti.


La Cannabis per crescere al meglio, come la maggior parte delle piante ha bisogno di azoto, fosforo e potassio; questi sono i macronutrienti mobili principali di cui necessita la cannabis per crescere sana e forte. I micronutrienti più importanti sono magnesio, ferro, zinco, manganese e calcio, composti immobili molto utili per tutte le fasi di sviluppo.
Alcune piante se si trovano in prossimità della pianta di cannabis possono rilasciare quantità notevoli di questi composti, per esempio il Tarassaco è in grado di estrarre dal terreno grandi quantità di azoto, l'Achillea aggiunta al compost, rilascia batteri benefici nel terreno.

Piante come il Nasturzio, l'erba medica o la Cicerchia odorosa sono in grado di reintegrare i terreni poveri, trattengono l'umidità e incrementano la penetrazione e la ridenzione idrica.

Altre piante fungono da repellenti per gli insetti, le odorose come la menta o la lavanda con i loro potenti terpeni sono in grado di allontanare o attirare a loro i parassiti e lasciare in pace la pianta di cannabis, oltre che riempire il giardino con magnifici colori e profumi inebranti.
Qui di seguito una lista di altre piante utili alla consociazione con la pianta di Cannabis:


Camomilla
La camomilla fornisce nutrienti essenziali alle tue piante di cannabis, tra cui calcio, potassio e zolfo. Agisce anche come un deterrente naturale contro i parassiti della cannabis più comuni.

Cerfoglio
Questa erba aumenta il vigore di tutte le piante circostanti, compresa la cannabis. Il cerfoglio è anche ottimo per tenere lontane le lumache, specialmente se piantato insieme ad aneto e coriandolo.

Aneto
Una popolare erba da cucina, l'aneto è ottimo per attirare le api e le vespe. Queste piccole ragazze, a loro volta, si nutriranno di acari e bruchi.

Achillea millefoglie
L’achillea è nota per aumentare la produzione di olio essenziale nelle piante che crescono vicine ad essa, oltre a migliorare e proteggere il suolo. Inoltre, attrae coccinelle e vespe predatrici che proteggono il tuo raccolto.

Melissa
Oltre ad attrarre gli umani, il potente profumo della melissa scoraggia i parassiti e attira gli impollinatori benefici. Inoltre, il suo aroma di agrumi coprirà l'odore della cannabis.

Coriandolo
Il forte profumo di coriandolo funge da repellente naturale contro gli acari e gli scarafaggi. Inoltre, quest'erba attira insetti benefici come le vespe parassite.


Trifoglio rosso
Come il trifoglio bianco, il trifoglio rosso fornisce azoto, fondamentale per la cannabis e per tutte le altre piante circostanti. Inoltre, migliora il terreno e consente un migliore drenaggio. Ed è anche facile da coltivare!


Peverina
Svolgendo la funzione di “pacciame vivente”, la peverina fornisce compost per un terreno ricco e sano. Inoltre, regola l'umidità nel terreno e ne impedisce l'evaporazione.

Basilico dolce
Questa fondamentale erba da cucina tiene lontani gli insetti dannosi dalle tue piante ed attira i bravi ragazzi che le proteggono. Questa pianta migliora anche la produzione di terpeni nella cannabis.

Trifoglio bianco
Il trifoglio bianco è utile per fornire azoto alle piante circostanti, riducendo la necessità di nutrienti supplementari.

Erba medica o alfalfa
L'erba medica migliora il terreno e aiuta a trattenere l'acqua, cosa utile in condizioni esterne calde! Inoltre, è l'ennesima pianta che fissa l'azoto.

Calendula
La calendula, con l'aiuto del suo profumo, scoraggia molte minacce comuni della cannabis, tra cui afidi, cavallette, scarafaggi e persino conigli. Le sue radici sono anche un'ottima aggiunta al compost.


Borragine
La borragine è una pianta resistente che fornisce minerali essenziali alle tue piante mentre crescono. Anche dopo la sua morte, rilascerà comunque i preziosi minerali calcio e potassio se usata per fare il compost.

Lavanda
La lavanda eccelle come repellente per parassiti ed insetti. Il suo particolare profumo allontana afidi, acari, zecche e falene. Anche i topi non sono fan della lavanda, quindi non si avvicineranno troppo alla tua erba.


Oltre alla cannabis tutte queste specie vegetali possono essere utilizzate nel vostro orto per aiutare le vostre piante a crescere sane e forti senza uso di fertilizzanti o pesticidi chimici!

Italian