"Gli endocannabinoidi presenti nel latte materno sono fondamentali per il corretto sviluppo del neonato". Ad affermarlo, è uno studio pubblicato sul European Journal of Pharmacology. "Stimolano l'appetito e aiutano il riposo".

allattamento

 

Appena venuti al mondo, con gli occhi ancora socchiusi, inconsci di cosa ci aspetti, piangiamo. Siamo vivi. Vivi e già alla ricerca di endocannabinoidi.

Gli endocannabinoidi sono molecole che il nostro corpo produce naturalmente dagli effetti simili ai fitocannabinoidi presenti nella cannabis. Di vitale importanza per il corretto sviluppo del neonato, e in generale del funzionamento dell'organismo umano, il latte materno è ricco di endocannabinoidi. 

L'importanza degli endocannabinoidi per il bambino

Dagli importanti studi condotti nel 2004, successivamente pubblicati nel 2017, emerge che gli endocannabinoidi stimolano l'appetito dei neonati e promuovono la suzione. Senza l'ausilio di queste molecole i neonati non saprebbero né nutrirsi né avrebbero il desiderio di farlo, il ché ne comprometterebbe la crescita o addirittura ne provocherebbe la morte.

Inoltre, pare che gli endocannabinodi aiutano il rilassamento e favoriscono il riposo. Sarà per questo che i lattanti in crisi non appena si aggrappano al seno delle madri ritrovano la quiete persa? Ad ogni modo è chiara l'importanza di questa molecola.

“Le implicazioni cliniche di questi sviluppi sono di vasta portata e suggeriscono un futuro promettente per i cannabinoidi in medicina pediatrica per varie patologie, fra cui la fibrosi cistica.”

| Leggi anche: "E' pericoloso assumere CBD in gravidanza?"