4/20 Giornata Internazionale della Cannabis: Origine e curiosità

Oggi, come ogni anno, in data 20 Aprile si festeggia la Cannabis in tutto il mondo. Ma come mai questa data è divenuta così popolare nel gergo tra i consumatori?  Andiamo a scoprire le sue origini!

Nel 1971, cinque studenti delle scuole superiori di San Rafael, in California, usarono il termine "4:20" in relazione a un piano per la ricerca di un raccolto di cannabis abbandonato, basato su una mappa di un tesoro "verde" fatta da un coltivatore. Definendosi i "Waldos"perché il loro tipico luogo di ritrovo "era un muro fuori dalla scuola", i cinque studenti - Steve Capper, Dave Reddix, Jeffrey Noel, Larry Schwartz e Mark Gravich avevano designato la statua di "Louis Pasteur" vicino alla San Rafael High School come luogo di incontro per iniziare le ricerche; l'orario designato era proprio alle 16:20. I Waldos si riferivano a questo piano con la frase "4:20 Louis". 

La statua di Luis Pasteur


Dopo diversi tentativi falliti di trovare il raccolto, (forse mai esistito) il gruppo abbreviò la loro frase in "4:20", che alla fine si è evoluta in una parola in codice che gli adolescenti della zona usavano per riferirsi al consumo di cannabis.
Fu Steven Hager della nota rivista "High Times" a rendere popolare la storia dei Waldos.


Il 20 aprile è diventata la festa internazionale della controcultura, dove le persone si riuniscono per celebrare e consumare cannabis.
Molti di questi eventi hanno una natura politica, sostenendo la liberalizzazione e legalizzazione della cannabis.
Vivian McPeak, una fondatrice dell'Hempfest di Seattle, afferma che 4/20 è "metà celebrazione e metà invito all'azione".Quel giorno i consumatori di marijuana protestano per la disobbedienza civile riunendosi in pubblico per consumare Marijuana alle 16:20.


Mentre la marijuana continua a essere depenalizzata e legalizzata in tutto il mondo, Steve DeAngelo , attivista della cannabis e fondatore dell'Harborside Health Center in California , osserva che "anche se il nostro lavoro di attivisti non fosse completo, 420 si trasformerà da una dichiarazione di coscienza a una celebrazione dell'accettazione,(...) il nostro incredibile legame con questa pianta  sarà sempre degno di celebrazione ".


Sicuramente il termine 420 nel tempo è divenuto popolare con l'aumentare del consumo di marijuana nella popolazione. Esitono storie molto divertenti sul folklore che si è creato attorno, come la collezione dei cartelli stradali con la scritta "420".

I cartelli con il numero 420 vengono spesso rubati. In Colorado, il Colorado Department of Transportation (CDT) ha sostituito il cartello Mile Marker 420 sulla I-70 a est di Denver con una lettura 419,99 nel tentativo di fermare il furto, tuttavia, il folklore del segno 419,99 ha fatto sì che fosse anche esso rubato, oltre a diventare una destinazione turistica.

 

 

Buon Cannabis day a tutti quanti!

Italian